10 consigli per migliorare il tuo stile a ping pong

10 consigli per giocare bene a ping pong

Vuoi far bella figura, imparando a giocare a tennis da tavolo come si deve? Ecco per te 10 consigli per giocare bene a ping pong

Ecco perché darti questi 10 consigli per giocare bene a ping pong.

Il ping pong è un gioco dalle molte sfaccettature. In alcuni ambiti è un modo per ammazzare il tempo in cantina o in giardino. In altri è uno sport in cui i migliori giocatori sono pagati profumatamente. Se stai cercando di diventare un vero atleta, partendo da un semplice hobby, afferra la tua racchetta e continua a leggere.

1. Riconoscere l’effetto della pallina

La chiave per l’acquisizione di questa importante abilità è quella di guardare con attenzione la racchetta dell’avversario, quando entra in contatto con la palla. Se la racchetta dell’avversario si muove dal basso verso l’alto, l’effetto sarà di tipo topspin, ossia la palla avrà un effetto che farà ruotare la sua parte alta in avanti. Se la racchetta si muove dall’alto verso il basso, l’effetto sarà di tipo backspin, ossia la pallina avrà un effetto che farà ruotare la sua parte bassa in avanti. Se la racchetta va da sinistra a destra, si avrà un sidespin destro, ovvero un effetto della pallina attorno al suo equatore verso destra. Se da destra a sinistra, si avrà un sidespin sinistro, ovvero un effetto della pallina attorno al suo equatore verso sinistra.

2. Rispondere con la giusta inclinazione della racchetta

Tra i 10 consigli per giocare bene a ping pong, questo è uno dei meno seguiti.

Per dare alla palla un effetto topspin, nel colpire la pallina dovrai inclinare verso il basso la facciata principale della racchetta, colpendo, come fosse una “spazzolata” la pallina al suo centro. Se vuoi dare alla pallina un effetto backspin, nello sferrare il colpo dovrai inclinare la racchetta con la faccia principale leggermente verso l’alto, colpendo la pallina sotto il suo centro, sempre come in una sorta di “spazzolata”. Per ottenere un sidespin di destra, l’angolo frontale della racchetta deve muoversi dalla destra e colpire la palla alla sinistra della sua linea di equatore. Per un sidespin di sinistra dovrai fare specularmente il contrario. In entrambi questi ultimi casi, colpisci la palla spingendo il braccio leggermente in avanti.

3. Usa tutto il corpo quando tiri un dritto

Assicurati di ruotare i fianchi e le spalle all’indietro durante il backswing, e poi in avanti verso la palla, colpendola seccamente. Questo movimento deve essere coordinato con un trasferimento del peso corporeo dal piede posteriore al piede anteriore. Più forte sarà il vostro dritto, maggiore sarà il trasferimento di peso. Un errore comune è quello di tirare un dritto utilizzando solo il braccio per colpire la palla, e ciò limita fortemente l’efficienza del tiro.

4. Fai attenzione alla posizione di attesa

Una buona posizione di attesa prepara il corpo a muoversi istantaneamente in qualsiasi direzione. Usala bene, ogni qual volta torni a rispondere colpo su colpo durante una partita. La sequenza dei movimenti da tener presente, per rispondere adeguatamente colpo su colpo, è la seguente:

  • mettiti in una buona posizione di attesa;
  • muoviti verso la palla con i piedi, rimanendo bene in equilibrio;
  • colpisci la palla;
  • ritorna alla posizione di partenza;
  • ripeti l’intera sequenza finché non ha fine il rally.

5. Allenati a colpire, finché i tuoi movimenti diventino automatici

La prima volta che impari qualcosa di nuovo, utilizzi parecchia energia mentale per riformulare lo stesso movimento appena appreso. Ma una volta che l’immagine nella tua mente diventa relativamente nitida, devi curare di far pratica più che puoi, finché non sia più necessario pensare a come ripetere un dato movimento. Diventa, così, qualcosa di automatico. La tua migliore prestazione avrà vita solo quando giungerai a questo livello psico-fisico.

6. Utilizza solo la tua racchetta

È altresì importante che tu possegga una racchetta personale, usata soltanto da te. Ogni racchetta ha una propria “essenza” e delle proprie caratteristiche di gioco. Perciò, se vorrai ascolare anche questo, fra i miei 10 consigli per giocare bene a ping pong, trarrai grande beneficio dall’utilizzo di una sola racchetta, così da non doverti continuamente adattare a un’altra. Prenditi cura dello strumento principale della tua performance: conservala in una custodia, quando non la utilizzi, e se possiedi una racchetta in gomma spugnosa invertita (dalla superficie liscia), lavala con acqua e sapone o un detergente speciale, dopo ogni uso.

7. Effetto laterale (sidespin) della palla al servizio

Solo pochi principianti utilizzano questo tipo di effetto sui propri servizi. I migliori giocatori usano invece il sidespin su quasi ogni servizio. Si tratta quasi sempre di un effetto in combinazione sia con il topspin che con il backspin. Il sidespin puro è infatti estremamente raro, nel servizio del tennis tavolo. Particolarmente utile è la combinazione sidespin/backspin, cioè con la palla servita molto bassa, appena sopra la rete. Questo tipo di servizio limiterà drasticamente la risposta del tuo avversario.

8. Mantieni le risposte basse, appena sopra la rete

In generale, più basso rimani nelle risposte, più sarà difficile che il tuo avversario possa rispondere con efficacia, segnando un utile punto. L’unica eccezione a questa regola sono i pallonetti, che consistono nell’alzare notevolmente la palla verso la parte opposta rispetto alla guardia dell’avversario (e il più vicino possibile alla fine del tavolo).

9. L’importanza della pratica

Per “pratica” intendo tutto il tempo necessario per sviluppare il tuo stile di gioco, concentrandoti su quali aspetti vuoi migliorare. L’oggetto primario durante la pratica è quello di sviluppare l’efficacia del tuo gioco. D’altra parte, quando giochi, il tuo obiettivo principale dovrebbe essere quello di vincere. Ti consiglio, quindi, di allenarti con il fine di accrescere la tua abilità e la tua tattica, e potrebbe essere ovvio che tu non riesca a vincere molto spesso all’inizio. E quando finalmente sarai di fronte a un degno avversario, nonostante tu abbia tutte le carte per vincere la l’incontro, potrai ancora imparare molto sul tuo gioco, se analizzi ogni partita dopo la sua fine.

10. Entra a far parte di un club di ping-pong

Fra i miei 10 consigli per giocare bene a ping pong, questo è forse il più importante.

Per veder progredire seriamente il tuo gioco, è fondamentale trovare altre persone con lo stesso intento. Un club di tennis da tavolo è il posto migliore per farlo. Nella maggior parte dei club vi sono giocatori di tutti i livelli di gioco. Trova qualcuno che abbia un’abilità di gioco vicina alla tua e prendi l’impegno di allenarti con lui regolarmente. Verifica periodicamente i tuoi progressi, competendo con giocatori più bravi. Inoltre, la maggior parte dei club hanno un allenatore che può contribuire a farti fare importanti passi avanti.

Conclusioni

  • Nel gioco del ping pong, un ruolo fondamentale è assolto dall’istinto del giocatore;
  • ma lo scheletro dell’istinto deve essere rivestito dalla muscolatura dell’esperienza, per imparare quanti più trucchi possibile per diventare un bravo tennista da tavolo;
  • segui i miei 10 consigli per giocare bene a ping pong e gioca spesso con chi è al tuo livello. Periodicamente verifica i tuoi progressi giocando anche con qualcuno più forte di te.